Home cinema Claudio Bisio in Si puo fare! difficile da vedere se sei di Viterbo…

Claudio Bisio in Si puo fare! difficile da vedere se sei di Viterbo…

4 min di lettura
2
0
98

Mi sono ripromesso di andare a vedere il nuovo film di Giulio Manfredonia ed interpretato da Claudio Bisio “Si può fare” ma, per chi come me non è di Roma o comunque di una grande città, il “si più fare” diventa troppo spesso…”lo potresti fare, ma non te lo faccio vedere“.

Cosa significa? Significa che nessun cinema della mia città (Viterbo) dal 31 Ottobre, giorno dell’uscita, ad oggi ha ancora proiettato la pellicola nel week end.

Ovviamente questo è solo un esempio, ne potrei citare infiniti altri!

Nella mia città ci sono cinque o sei cinema (non ricordo bene il numero) tutti rigorosamente MONO-SALA e che spesso tramettono la stessa pellicola, quella che fa incasso, il titolo roboante, Hollywoodiano ad effetto. I titoli minori o non passano o se passano nessuno se ne accorge.

Non parliamo poi delle strutture di questi “fantomatici” cinema, per noi viterbesi il problema non è Pop-Corn si o Pop-Corn no, per noi il problema è audio decente o audio pessimo, video inguardabile o video da mal di testa… il Pop-Corn è l’ultimo dei nostri problemi, l’importante per noi è trovare la poltrona giusta e non rischiare di trovarsi con il sedere a terra e la poltrona rotta sopra di noi.

Solo chi è di Viterbo sa di cosa sto parlando e credo sappia benissimo che non sto dicendo falsità.

E’ altresì noto come la mia città abbia altre priorità, il cinema è l’ultimo dei problemi dei viterbesi, tanto il sabato sera si va al “Theatro”…

Così un film come “si può fare” ancora non è stato proiettato, nonostante la casa distributrice sia la Warner Bros, nonostante pubblico e critica ne stiano parlando benissimo, nonostante l’attore principale sia uno dei comici più noti al pubblico giovanile grazie anche al “suo” Zelig ma non solo.

Questa la trama, fonte comingsoon:

Nello, un imprenditore milanese che ha perso la propria posizione, si ritrova a dirigere una cooperativa di ex pazienti di ospedali psichiatrici, dopo l’entrata in vigore della legge Basaglia. Credendo fortemente nella dignità del lavoro, Nello spinge ogni socio della cooperativa a imparare un mestiere per sottrarsi alle elemosine dell’assistenza, inventando per ciascuno un ruolo incredibilmente adatto alle sue capacità ma finendo per scontrarsi con inevitabili quanto umanissime e tragicomiche contraddizioni.

Fortuna esiste ancora il passaparola e fortuna che Roma non sia poi cosi distante…

Ti è piaciuto il mio articolo?

Ricevi tutte le novità dell'etrusco direttamente nella tua casella di posta

Non preoccuparti, non faccio spam!

è Solution Architect e Full Stack Developer specializzato nell’analisi, progettazione e realizzazione di sistemi complessi in ambito Transportation. Dal 2007 è anche blogger con il nickname "etrusco" che ha associato alla sua brand identity; cura personalmente i contenuti di molti altri blog, website e forum. Ha inoltre realizzato molte webapp e siti di ecommerce. La passione per internet, per i nuovi media e per la tecnologia in generale gli permettono di stare sempre al passo con i nuovi linguaggi e le più innovative metodologie di programmazione. Adora sua moglie, le sue due figlie, la fotografia analogica e questo blog.

Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
Carica più in cinema

2 Commenti

  1. xvid by silent

    11 novembre 2008 a 14:59

    prova al mio cinema !!!! 😀

  2. Etrusco

    13 novembre 2008 a 10:38

    AC3….bentornato!!!! ^_^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri

Idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri Il Natale si sta …