Home dr house Il Dr. House e la logica dell’abduzione

Il Dr. House e la logica dell’abduzione

10 min di lettura
3
0
374

Ho da poco terminato la lettura del libro “La filosofia del Dr. House. Etica, logica ed epistemologia di un eroe televisivo” e l’ho trovato decisamente interessante e ricco di spunti sui quali riflettere e dibattere.

Il libro è diviso in quattro capitoli, ognuno scritto da un diverso filosofo e che trattano diversi temi, tutti legati alla filosofia ovviamente in chiave “House”.

Oggi vorrei analizzare il quarto capitolo ossia quello che descrive la “Logica di House” il suo modo di ragionare, riflettere, pensare e risolvere i più disparati casi.

Partiamo quindi dalla domanda: Quale è la logica di House?

Per rispondere dobbiamo farci aiutare dal filosofo statutitense Charles Sanders Peirce il quale sostiene che il pensiero umano ha tre possibilità di creare inferenze, ovvero tre modi diversi di ragionamento:

Il ragionamento deduttivo
Il ragionamento induttivo
Il ragionamento abduttivo

Le differenze tra abduzione, induzione e deduzione possono essere così riassunte (fonte wikipedia):

Deduzione:
Regola: Tutti i fagioli di questo sacchetto sono bianchi
Caso: Questi fagioli vengono da questo sacchetto
Risultato: Questi fagioli sono bianchi
Induzione:
Caso: Questi fagioli vengono da questo sacchetto
Risultato: Questi fagioli sono bianchi
Regola: Tutti i fagioli di questo sacchetto sono bianchi
Abduzione:
Regola: Tutti i fagioli di questo sacchetto sono bianchi
Risultato: Questi fagioli sono bianchi
Caso: Questi fagioli vengono da questo sacchetto

Come possiamo vedere dai tre casi appena descritti la differenza tra i tre modi di “ragionare” è sostanziale in quanto nel primo caso (deduzione) il risultato è certo perchè si parte da una regola ben definita e certa, applicando il caso (azione) il risultato non può che essere quello descritto; la deduzione è pertanto un processo logico certo, che porta sicuramente ad un risultato noto data la regola generale e l’azione (caso) specifico.

Nell’induzione il processo logico è decisamente diverso e assai meno certo nei suoi risultati in quanto, per come è stato descritto, si pone come obiettivo quello di definire una “regola” partendo da una azione (caso) e osservando un risultato; per cui sapere che i fagioli vengono dal sacchetto (azione) ed osservare che i fagioli sono bianchi non implica matematicamente che tutti i fagioli del sacchetto siano bianchi. Pertanto non possiamo dire nulla, se non ipotizzare, sul colore dei fagioli contenuti nel sacchetto.

La terza e decisamente più interessante inferenza è relativa al processo logico abduttivo nel quale è nota la regola (tutti i fagioli nel sacchetto sono bianchi) e il risultato (i fagioli sul tavolo sono bianchi) per cui si cerca di “scovare” quella che è l’azione (caso) che sta alla base dell’osservazione. In questo particolare caso si procede quindi per “intuizione” ossia si ipotizza che, molto probabilmente, visto che i fagioli nel sacchetto sono tutti bianchi e i fagioli sul tavolo sono bianchi questi provengano proprio dal sacchetto. Si ipotizza, si immagina, si intuisce e si crea nuova conoscenza nel processo logico che induce a sperimentare nuove strade.

Come sostiene lo stesso Pierce l’unica inferenza che produce nuova conoscenza è proprio quella abduttiva, perchè ci porta a sperimentare la strada intuita ed ipotizzata, che poi magari non si rivela giusta ma anche in questo caso abbiamo creato conoscenza riducendo il campo di indagine.

Detto ciò torniamo alla domanda iniziale e cioè Quale è la logica di House?

La risposta sembra ovviamente scontata, in quanto dei tre metodi su esposti quello che più si adatta al Dr House è proprio il terzo ossia il metodo abduttivo.

Proviamo per esempio a sostituire i fagioli e il colore con malattia e sintomi generici tipo:

Deduzione:
Regola: Tutti i malati di lupus muoiono in cinque giorni
Caso: Questa persona ha il lupus
Risultato: Questi persona è morta dopo cinque giorni

Induzione:
Caso: Questa persona ha il lupus
Risultato: Questi persona è morta dopo cinque giorni
Regola: Tutti i malati di lupus muoiono in cinque giorni

Abduzione:
Regola: Tutti i malati di lupus muoiono in cinque giorni
Risultato: Questi persona è morta dopo cinque giorni
Caso: Questa persona ha il lupus

Analizziamo i tre casi e vediamo come siano estremamente diversi:

Nella deduzione si da per scontata la regola appresa durante lo studio della medicina (tutti i malati di lupus muoiono in cinque giorni) si sperimenta che la persona ha il lupus e quindi è ovvio (purtroppo) che la persona morirà in cinque giorni.

Nell’induzione, invece, si cerca di trovare la regola per cui è come se si studiasse una nuova malattia della quale non si conosce nulla e si cerca di definire la regola; diciamo che la persona ha il lupus (ma non sappiamo nulla del lupus perchè è una nuova malattia) e verifichiamo che la persona è morta in cinque giorni, nulla possiamo dire sulla malattia come regola perchè non basta un caso per sostenere una regola. Questo processo logico poco interessa al Dr. House.

Il terzo invece è proprio il pane quotidiano del Dr. House e cioè data per certa la regola ossia che tutti i malati di lupus muoiono in cinque giorni, si osserva il malato è morto in cinque giorni per cui è molto probabile che il malato abbia il Lupus! (Logica di House)
Probabile ma non certo e spesso è proprio questo probabile ma non certo a fare la differenza nelle diagnosi di House perchè con la sua logica, molto affine e simile a quella del famosissimo Sherlock Holmes, il più delle volte lo porta ad azzeccare proprio quello che gli altri o sbagliano o non vedono.

Teniamo presente che l’inventore di Sherlock Holmes era un dottore e che se ad Holmes togliamo una ‘elle’ otteniamo Homes che al singolare si dice Home che è sinonimo di House…chissà forse è solo un caso?

Ti è piaciuto il mio articolo?

Ricevi tutte le novità dell'etrusco direttamente nella tua casella di posta

Non preoccuparti, non faccio spam!

è Solution Architect e Full Stack Developer specializzato nell’analisi, progettazione e realizzazione di sistemi complessi in ambito Transportation. Dal 2007 è anche blogger con il nickname "etrusco" che ha associato alla sua brand identity; cura personalmente i contenuti di molti altri blog, website e forum. Ha inoltre realizzato molte webapp e siti di ecommerce. La passione per internet, per i nuovi media e per la tecnologia in generale gli permettono di stare sempre al passo con i nuovi linguaggi e le più innovative metodologie di programmazione. Adora sua moglie, le sue due figlie, la fotografia analogica e questo blog.

Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
  • Dr House sesta serie, si riparte!

    Ebbene si, l’attesa è finalmente finita per tutti coloro che si stanno domandando che fine…
  • House è impazzito

    Non so quanti di voi stiano seguendo la quinta stagione su Joi del Dr. House, comunque sap…
  • Dr. House e la filosofia del Lupus

      Foreman: Nascondi le pillole nel manuale del Lupus? House: Tanto non è mai il Lupus…
Carica più in dr house

3 Commenti

  1. Matteo

    18 gennaio 2009 a 19:01

    Ho letto anche io il libro in questione, e mi tovo d’accordo con te e naturalmente con il Dottor House. Presciso, insomma, che le abduzioni hanno la seconda premessa e la conclusione, probabili. ciaooo

  2. […] fa scrissi un articolo “Il Dr. House e la logica dell’abduzione” nel quale cercavo di far chiarezza (soprattutto a me stesso) su quelle che fossero le […]

  3. […] tipico degli investigatori o della medicina diagnostica: qui, ad uso dei fan,  ecco il metodo nell’interpretazione del dottor House. L’abduzione è l’unica operazione logica che introduce una nuova idea, scrive Paolo Vidali […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri

Idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri Il Natale si sta …