Home filosofia Cio che accade abitualmente non ritenetelo normale

Cio che accade abitualmente non ritenetelo normale

4 min di lettura
0
0
72

"Ciò che accade abitualmente non ritenetelo normale" ….

Tranquilli non sono impazzito e queste parole non sono parole mie, sono parole di Bertolt Brecht.

Perchè ho voluto riportarle in questo post?

Perchè a mio avviso nella loro semplicità racchiudono moltissimi spunti di riflessione sulla realtà delle cose che ci circondano, sulla conoscenza, sui comportamenti degli individui, sulla percezione della realtà.

Dovremmo imprimerci la frase "Ciò che accade abitualmente non ritenetelo normale" e farne tesoro ogni giorno, ogni attimo, ogni singolo istante della nostra giornata.

Fare ciò ci spinge ineludibilmente alla critica dei "fenomeni", dove per critica intendo un processo di ricerca continua sulle cause prime; un processo, per dirla alla Kant, di ricerca del "noumeno" o "cosa in sè".

Il motore della conoscenza umana è racchiuso in queste semplici riflessioni, conoscere significa fare esperienza del mondo che ci circonda, creare un punto di unione tra quelle che sono le nostre credenze, le nostre idee e quella che è realmente l’esperienza del vissuto. Cercare costantemente una relazione tra "fenomeno" percepito e "cosa in sè", oggettiva ed essente a prescindere dalla percezione e dall’idea stessa di "cosa in sè".

Questa operazione, tuttavia, non è cosi semplice, cercare il punto di unione tra la nostra credenza e il mondo "reale" – se mai esiste un modo oggettivo a prescindere dalla percezione – è un’ attività che porta alla critica e da essa stessa è alimentata.

E’ il processo che ha spinto l’uomo alle grandi scoperte scientifiche, geografiche e spaziali, è il processo che ci porta ad acquistare un nuovo libro, a parlare e discutere di un argomento ostico, è il processo che ci permette di crescere interiormente, a livello percettivo e conoscitivo.

E’ il processo limite che spinto dalla critica ci porta alla conoscenza, senza mai raggiungerla pienamente.

Non importa giungere ad una definizione, ad una conclusione, avere una risposta oggettiva; ciò che conta veramente è la riflessione, la ricerca, la costante interrogazione sull’ovvio, perchè in fin dei conti di ovvio, in questa breve vita, non c’è nulla.

….. "Ciò che accade abitualmente non ritenetelo normale".

Ti è piaciuto il mio articolo?

Ricevi tutte le novità dell'etrusco direttamente nella tua casella di posta

Non preoccuparti, non faccio spam!

è Solution Architect e Full Stack Developer specializzato nell’analisi, progettazione e realizzazione di sistemi complessi in ambito Transportation. Dal 2007 è anche blogger con il nickname "etrusco" che ha associato alla sua brand identity; cura personalmente i contenuti di molti altri blog, website e forum. Ha inoltre realizzato molte webapp e siti di ecommerce. La passione per internet, per i nuovi media e per la tecnologia in generale gli permettono di stare sempre al passo con i nuovi linguaggi e le più innovative metodologie di programmazione. Adora sua moglie, le sue due figlie, la fotografia analogica e questo blog.

Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
  • il mio albero della vita…

    Il mio albero della vita…(mine tree of life) …
  • Vivere con filosofia

    Vorrei oggi segnalare un ottimo magazine online, “l’accento di socrate rivista di cultura …
  • Riflessioni sull’etica e sulla morale

    Giorni fa mi è arrivata una piacevole mail dall’amico Pietro, il cui tema era una ulterior…
Carica più in filosofia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Caffeina Christmas Village: la magia del Natale nel centro storico di Viterbo

Se siete alla ricerca di un luogo incantato dove riscoprire la magia del Natale allora que…