Home societa' C’era una volta un paese folle

C’era una volta un paese folle

1 min di lettura
5
0
55

C’era una volta un paese folle in cui era possibile morire senza ragione, senza motivo

C’era una volta un paese folle in cui era possibile morire in un parcheggio di autogrill prima di correre allo stadio con i propri amici.

C’era una volta un paese folle in cui, per un nulla, si brandisce una pistola e si corre, si corre e si grida, si grida e si spara, si spara e si uccide.

C’era una volta un paese folle in cui la morte di un ragazzo veniva strumentalizzata, da tutto e da tutti, da destra e da sinistra, dall’alto e dal basso.

C’era una volta un paese folle in cui al dolore di una famiglia si sommava la follia, la devastazione e lo squadrismo di pochi.

C’era una volta un paese folle o forse no, perchè un paese folle ha ancora una parvenza di valori, la follia.

Dedicata a GabboDJ, un blogger/DJ che non conoscevo.

Ti è piaciuto il mio articolo?

Ricevi tutte le novità dell'etrusco direttamente nella tua casella di posta

Non preoccuparti, non faccio spam!

è Solution Architect e Full Stack Developer specializzato nell’analisi, progettazione e realizzazione di sistemi complessi in ambito Transportation. Dal 2007 è anche blogger con il nickname "etrusco" che ha associato alla sua brand identity; cura personalmente i contenuti di molti altri blog, website e forum. Ha inoltre realizzato molte webapp e siti di ecommerce. La passione per internet, per i nuovi media e per la tecnologia in generale gli permettono di stare sempre al passo con i nuovi linguaggi e le più innovative metodologie di programmazione. Adora sua moglie, le sue due figlie, la fotografia analogica e questo blog.

  • Dr House sesta serie, si riparte!

    Ebbene si, l’attesa è finalmente finita per tutti coloro che si stanno domandando che fine…
  • House è impazzito

    Non so quanti di voi stiano seguendo la quinta stagione su Joi del Dr. House, comunque sap…
  • elogio-della-follia

    Nietzsche e l’elogio della follia

    Dobbiamo, di tanto in tanto, riposarci dal peso di noi stessi, volgendo lo sguardo là in b…
Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
Carica più in societa'

5 Commenti

  1. Sirsly

    13 novembre 2007 a 08:33

    Diciamo…una “parte” del Paese!

  2. Alex

    13 novembre 2007 a 14:44

    si….diciamo “C’era una volta una parte del paese….”

  3. A'mìo

    15 novembre 2007 a 13:03

    “C’era una vola” o forse “C’é” esiste, è reale che si perda la vita in un soffio, purtroppo!

  4. A'mìo

    15 novembre 2007 a 13:07

    “C’era una volta” o forse “C’é” esiste, è reale che si perda la vita in un soffio, purtroppo!

  5. Etrusco74

    15 novembre 2007 a 16:30

    Ciao A’mìo….. da flickr al blog! Benvenuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Caffeina Christmas Village: la magia del Natale nel centro storico di Viterbo

Se siete alla ricerca di un luogo incantato dove riscoprire la magia del Natale allora que…