Home societa' Che bello essere pendolare

Che bello essere pendolare

3 min di lettura
7
0
128

Ieri sera mi sentivo romantico ed ho composto una poesia.

Questa poesia e’ nata il 30 Ottobre 2007 mentre ero con i miei amici pendolari sulla linea Roma-Viterbo.
Questa poesia e’ nata nelle circa quattro ore di viaggio che il mio trenino ha impiegato per fare circa 70 Km.
Questa poesia e’ nata tra le 19:15 e le 23:15
Questa poesia e’ nata il giorno prima dell’aumento del 10% del prezzo del mio abbonamento
Questa poesia e’ nata mentre ero felice e pensavo….

Che bello essere pendolare
Che bello alzarsi tutte le mattine alle 6:00
Che bello trovare ogni giorno un bel trenino che ti apetta
Che bello vederlo sempre lucido, splendete e profumato
Che bello sapere che anche oggi sara’ puntuale
Che bello tornare a casa dalla propria famiglia alle 23:15; “c’e’ stato un problemino sulla linea…”
Che bello sentir caldo l’estate e freddo l’inverno
Che bello viaggiare in piedi
Che bello vedere cosi tante persone accante a te, ma proprio tante. Non ci sente mai soli…
Che bello sentire ogni giorno un diverso profumo, un diverso aroma, si diventa esperti in materia
Che bello il bagno del mio trenino
Che bello impiegare 1h e 40 min per fare circa 70 Km
Che bello viaggiare sulla linea viterbo-roma
Che bello sapere che a Viterbo vogliono fare l’aeroporto
Che bello sapere che la linea Viterbo-Roma diverra’ ancora piu’ efficente, veloce e puntuale
Che bello viaggiare alle 23:00 su un vagone senza luci ed illuminare il libro con un cellulare
Che bello vedersi aumentare l’abbonamento del 10%
Che bello sapere che domani il mio trenino sara’ sempre li’ ad aspettarmi
Che bello essere pendolare.

Dedico questa poesia a tutti i pendolari, a tutti quelli che ieri sera erano con me sul treno Viterbo-Roma, a tutte quelle persone che hanno impiegato oltre quattro ore per arrivare a casa dalla propria famiglia e la mattina, come tutte le mattine, si sono alzati nuovamente alle 6:00.

Mentre ero sul treno, tra grida, urla e panico generalizzato, sono rimasto molto colpito dalla frase di una persona seduta accanto a me…”Noi pendolari sopportiamo tutto…ma questa volta e’ troppo“, si questa volta e’ veramente troppo.

Ti è piaciuto il mio articolo?

Ricevi tutte le novità dell'etrusco direttamente nella tua casella di posta

Non preoccuparti, non faccio spam!

è Solution Architect e Full Stack Developer specializzato nell’analisi, progettazione e realizzazione di sistemi complessi in ambito Transportation. Dal 2007 è anche blogger con il nickname "etrusco" che ha associato alla sua brand identity; cura personalmente i contenuti di molti altri blog, website e forum. Ha inoltre realizzato molte webapp e siti di ecommerce. La passione per internet, per i nuovi media e per la tecnologia in generale gli permettono di stare sempre al passo con i nuovi linguaggi e le più innovative metodologie di programmazione. Adora sua moglie, le sue due figlie, la fotografia analogica e questo blog.

Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
Carica più in societa'

7 Commenti

  1. ilPendolare

    31 ottobre 2007 a 13:57

    Bella questa poesia Etrusco; rappresenta quello che pensiamo ogni giorno.
    Riguardo al tuo problema, oggi mi è arrivata questa comunicazione:

    Tra le 19.15 e le 23.30 di ieri, un black-out dovuto ad un forte nubifragio sulla linea direttissima Roma-Firenze ha causato problemi tecnici ai sistemi di sicurezza della gestione del traffico.

    Come previsto dal protocollo di sicurezza delle Ferrovie dello Stato, i cinque convogli impegnati in quel momento su quel tratto di linea:l’12176 per Ancona, il 594 per Firenze, l’Eurostar 9482 per Venezia, il 596 per Verona e il 7558 per Viterbo, sono stati fatti avanzare lentamente cumulando ritardi dai 40 ai 150 minuti.

    A Firenze e Bologna sono state comunque garantite le coincidenze, ed è stata fornita assistenza ai passeggeri.

    Il resto del traffico è stato dirottato sulla linea lenta, e ha accumulato ritardi medi di 60 minuti.

    Ho idea che tu sia rimasto invischiato in qu

  2. ilPendolare

    31 ottobre 2007 a 13:58

    Ho idea che tu sia rimasto invischiato in questo problema meteo (è sempre colpa del tempo)

  3. Alex

    31 ottobre 2007 a 16:16

    Ciao e grazie per l’info…
    Cmq se il servizio fosse sempre all’altezza riusciremmo anche a tollerare disservizi di questo genere, il problema è che il servizio è sempre pessimo e quando accadono queste cose le persone “sbroccano” : - )
    Ciao

  4. giulia

    8 novembre 2007 a 14:16

    Bella questa poesiamo, rende bene l’idea, Giulia

  5. Chioccia

    14 novembre 2007 a 10:08

    Io sono pendolare su LeNORD anche da noi i ritardi sono all’ordine del giorno, da noi ci sono in servizio viaggiatori dei fantastici trenini: carrozze svizzere noleggiate dalle porte strettissime, carrozze storiche (treno del 125 anniversario)e altri vecchi treni (chiodate/saldate) con prese d’aria ovunque e passaggi all’aperto, carrozze belghe e straniere varie…, la strana composizione Triplone (3 tipi diversi di carrozze assortite: 1 belga, 1 doppia, diverse Socimi) detta anche “Dromedario” (1 gobba, la carrozza doppia che spicca in mezzo)che diventa “Cammello” quando attaccano 2 doppie (quindi due gobbe)… Infine ci sono i nuovi fiammanti treni regionali i TSR annunciati e pubblicizzati ovunque… i pochi esemplari sono fermi ( mancano le autorizzazioni per circolare) a Novate da tempo (il primo prototipo era arrivato più di un anno fa)

  6. Chioccia

    14 novembre 2007 a 10:17

    Dimenticavo…
    Molto carina e realistica la tua poesia si addice perfettamente anche ai viaggi dei pendolari LeNORD…
    Ti ricordo che su: http://www.ilpendolare.com
    nel forum puoi segnalare ritardi e disservizi e a breve nel blog pubblicherò gli indirizzi dei responsabili Trenitalia, ministero trasporti e coordinamento pendolari a cui inoltrare i reclami. Buon viaggio…

  7. Alex

    14 novembre 2007 a 18:06

    Grazie….speriamo bene ovviamente! Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Caffeina Christmas Village: la magia del Natale nel centro storico di Viterbo

Se siete alla ricerca di un luogo incantato dove riscoprire la magia del Natale allora que…