Home ideas Nel 2012 arriverà il primo vaccino anti-fumo, era ora!

Nel 2012 arriverà il primo vaccino anti-fumo, era ora!

5 min di lettura
4
0
84

Chissà, dopo cerotti, gomme da masticare, libri su come smettere e tanta, troppa fatica… forse smettere di fumare sarà più semplice e soprattutto indolore a partire dal 2012.

E’ infatti di ieri l’annuncio della società farmaceutica Glaxosmithkline che il vaccino anti-fumo è arrivato alla fase finale della sperimentazione sul’uomo ed i risultati sembrano essere eccellenti.

Forse riuscirò a smettere definitivamente di fumare, visto che i miei precedenti tentativi hanno dato esiti disastrosi, forse il vaccino riuscirà a togliermi definitivamente questa terribile quanto odiosa dipendenza 🙁

Si perchè di dipendenza si tratta… niente vizio, niente abitudine… chi parla di vizio non conosce il problema, non ha mai fumato o non si è adeguatamente documentato, il fumo è una droga, tra le più subdole e temibili per cui come tale deve essere trattata.

Smettere senza soffrire le pene dell’inferno è un diritto/dovere di ogni cittadino che, haimè, è caduto in questa terribile dipendenza.

Forse ci riuscirò anche senza vaccino, forse aspetterò il 2012, forse mi rileggerò il libro di Carr Allen “E’ facile smettere di fumare se sai come farlo”… non lo so, l’unica mia certezza è che prima o poi dovrò liberarmi di questa schiavitù, prima che sia lei a liberarsi di me!

Se pensate che smettere di fumare sia facile, date uno sguardo a questo forum… poi ne riparliamo!

Questa la news fonte ansa.it:

ROMA – Dire addio alle ‘bionde’ grazie ad un vaccino. Il traguardo appare ormai prossimo: il primo vaccino anti-nicotina, per combattere l’assuefazione dei fumatori più incalliti, arriverà infatti sul mercato nel 2012. Ad annunciarlo è l’azienda farmaceutica produttrice, la Glaxosmithkline. A ottobre 2009 sono stati infatti avviati due studi di fase 3 (ovvero la fase finale di sperimentazione sull’uomo), che interessano rispettivamente mille e 600 pazienti tra i 18 e i 65 anni, fumatori di almeno 10 sigarette al giorno. Il vaccino viene somministrato sei volte nel corso di sei mesi e si prevede che lo studio di fase finale sarà completato entro il 2011.

Si tratta dunque di un vaccino in fase finale di sviluppo clinico, mirato alla disassuefazione dal fumo di sigaretta. E’ stato sviluppato per stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi in grado di legare la nicotina nel circolo ematico, ed impedirne in tal modo il passaggio dalla barriera emato-encefalica e l’ingresso nel cervello. In questo modo i neuroni cerebrali non sono più in grado di produrre la sensazione di piacere indotta come risposta alla nicotina. Fino ad oggi, il vaccino è stato studiato in 480 soggetti negli studio di fase 1 e 2. In tali studi il vaccino ha dimostrato di essere ben tollerato e di indurre un aumento delle concentrazioni di anticorpi. Nello studio di fase 2 condotto in fumatori di oltre 24 sigarette al giorno (fumatori pesanti), il vaccino ha dimostrato un’efficacia clinica statisticamente superiore rispetto al placebo per quanto riguarda l’astinenza continua dal fumo di sigaretta. Anche il numero dei pazienti astinenti dal fumo a 12 mesi, risultava statisticamente superiore rispetto al gruppo di pazienti trattato con placebo. Le sperimentazioni cliniche, concludono i ricercatori, hanno dunque dimostrato che il concetto alla base dello sviluppo del vaccino – ovvero che il legame della nicotina con un anticorpo indotto dal vaccino aiuta a disassuefare il fumatore dal fumo di sigaretta, è confermato nell’uomo.

Ti è piaciuto il mio articolo?

Ricevi tutte le novità dell'etrusco direttamente nella tua casella di posta

Non preoccuparti, non faccio spam!

è Solution Architect e Full Stack Developer specializzato nell’analisi, progettazione e realizzazione di sistemi complessi in ambito Transportation. Dal 2007 è anche blogger con il nickname "etrusco" che ha associato alla sua brand identity; cura personalmente i contenuti di molti altri blog, website e forum. Ha inoltre realizzato molte webapp e siti di ecommerce. La passione per internet, per i nuovi media e per la tecnologia in generale gli permettono di stare sempre al passo con i nuovi linguaggi e le più innovative metodologie di programmazione. Adora sua moglie, le sue due figlie, la fotografia analogica e questo blog.

Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
Carica più in ideas

4 Commenti

  1. Sirsly

    17 dicembre 2009 a 08:40

    Carissimo…come ti capisco…anche io dopo vari tentativi mica ci son riuscito, anzi! Tienimi informato degli sviluppi eh! E magari quando uscirà il vaccino facciamo una prova 😉

  2. etrusco

    17 dicembre 2009 a 14:25

    Spero di smettere prima del 2012….però si sa come funziona…una cosa sono le intenzioni, altro è poi riuscirci!
    Ciao e se non ci si sente, buone feste

  3. Sirsly

    17 dicembre 2009 a 14:31

    Buon Natale anche a te ed alla pulce 😉

  4. luca

    11 gennaio 2010 a 22:31

    Io sono riuscito smettere con il libro di allen carr, e con l’arrivo di un figlio auguri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri

Idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri Il Natale si sta …