Home tech come organizzare il workflow del tuo blog, dall’idea alla pubblicazione dell’articolo

come organizzare il workflow del tuo blog, dall’idea alla pubblicazione dell’articolo

12 min di lettura
0
0
86

Oggi vi parlo di come organizzare il flusso di lavoro per un blog, partendo dall’idea iniziale fino alla pubblicazione definitiva di un articolo.

Scusate, vi parlerò di come io organizzo questo flusso di lavoro.

Ogni blogger credo abbia il suo metodo e lo conservi più o meno gelosamente, è un pò come la ricetta di un buon dolce o di una fantastica pizza, puoi scegliere se condividerla o conservarla gelosamente.

Io sono sempre per la condivisione delle idee, sempre …

Per far ciò vediamo come organizzo il flusso di lavoro per questo blog, attraverso 8 semplici passaggi.

1. Gli strumenti di lavoro per ottimizzare il workflow

Ogni blogger deve avere degli strumenti di lavoro, delle applicazioni semplici e “familiari” che gli consentano di ottimizzare al massimo il workflow di produzione di un articolo.

Come si compone questo workflow?

Si parte da una “idea”, la si trasforma in “contenuto” e si finisce con la pubblicazione dell’articolo sul blog, semplice.

Per far ciò, utilizzo i seguenti strumenti:

  • La testa
  • Evernote (o altro)
  • Google Docs
  • WordPress

Che dire, un blogger senza testa e senza idee forse ha sbagliato attività, per cui il mio consiglio è “tienila sempre accesa”, leggi, naviga ed osserva … sempre con la massima curiosità.

Usa un qualsiasi strumento su cui annotare idee, pensieri e riflessioni.

Io utilizzo Evernote, ma va bene un qualsiasi taccuino elettronico o cartaceo che sia. Una volta annotata l’idea questa deve essere convertita in “contenuto”, per far questo utilizzo Google Docs / Google Drive.

Per organizzare questa fase, che è poi quella più creativa ed impegnativa, mi son creato la seguente struttura a cartelle:

1. idee per articoli
2. bozze in lavorazione
3. articoli pubblicati

Nelle quali sposto i documenti durante la creazione dell’articolo. Cattura2

Quando l’idea ha preso “forma” trasformandosi in contenuto allora possiamo pubblicarla su wordpress (la piattaforma di blogging che utilizzo su pensando.it)

2. Hai trovato l’idea? Fissala

Ci siamo … è arrivata l’idea giusta per scrive un nuovo articolo, magari hai trovato un post interessante in lingua inglese o hai trovato uno spunto facendo una bella passeggiata in centro …

Non importa come è arrivata l’idea, l’importante è non perderla, non lasciarla andare, per cui annotala.

Dove?

Io uso Evernote, ma va bene qualsiasi cosa che ti permetta di fissarla, un taccuino elettronico, un pezzo di carta, una mail … l’importante è fissare l’idea in modo tale che ci si possa ragionare con più calma in seguito, a mente fredda.

Se l’idea mi piace e penso che possa diventare un articolo allora passo a Google Docs e creo un nuovo file nella cartella “1. idee per articoli

3. Scegli il giusto titolo per il tuo articolo

Abbiamo visto che l’idea è buona, ce la siamo fissata su Google Docs, abbiamo creato il doc quindi possiamo iniziare a lavorare al titolo giusto per il nostro articolo.

Per me questa fase è molto creativa e senza alcun preconcetto, libera … insomma vero e proprio brainstorming sul titolo, alla ricerca di quello giusto che non è detto arrivi subito (anzi in questa fase quello giusto non arriva mai).

Inizio cosi a fissare ipotesi di titolo, a getto, senza pensarci troppo, scrivendo tutto nel doc cosi che io possa tornarci sopra alla fine, ad articolo finito, per affinarne la scelta.

4. E’ arrivato il momento di scrivere i contenuti

Si, ci siamo … si comincia a scrivere l’articolo.

Quando inizio a lavorare al contenuto sposto il file nella cartella “2. bozze in lavorazione”, per distinguere gli articoli “in progress” dalle idee che potrebbero diventare articoli.

Cattura3

In questa fase inizio a lavorare ad un primo scheletro dell’articolo, cercando di impostare le varie sezioni o punti che lo comporranno.

Questo mi aiuta molto in quanto mi permette di:

  • sintetizzare i punti chiave dell’articolo
  • chiarire bene le idee ed i concetti da sviluppare
  • lavorare in maniera progressiva all’articolo

5. Non dimenticarti le immagini

Una volta fatta la prima bozza del contenuto è importante iniziare a pensare alle immagini per il nostro articolo.

Le immagini possono essere di due tipologie:

  • immagini proprie (foto, screenshot, …)
  • immagini di altri

Per quanto riguarda le immagini proprie, ovviamente, non ci sono problemi di diritti per l’ immagine stessa, sono vostre …

Se invece si utilizzano immagini di altri allora è importante sempre cercare quelle che non siano coperte da un copyright che ne impedisca l’utilizzo.

C’è da dire che data la tipologia di post che faccio spesso e volentieri le immagini che inserisco nell’articolo sono delle semplci screenshot (catture di schermo) del file system, utilizzate per aiutare il lettore.

Ma questa è una mia prerogativa … voi potreste avere altre esigenze e quindi altre tipologie di immagini da inserire, per cui attenzione al copyright.

In questa fase le immagini le inserisco direttamente nel documento google, cosi da non perderle mai e vedere l’effetto visuale che hanno nel contesto generale dell’articolo.

6. Scriviti tutti i link che userai

Nel nostro articolo sono molto importanti anche i link, sia a risorse interne al blog (link ad altre pagine/articoli/ …) che a risorse esterne al nostro blog (altri siti/blog/tutorial/ … )

Io in questa fase li inserisco nel documento google per esteso, poi li organizzerò meglio su wordpress in fase di pubblicazione.

7. Salutiamo Google Docs, ora si passa su wordpress

Completiamo e rileggiamo il nostro articolo, rileggiamolo ancora … e per finire rileggiamolo una terza volta.

Facciamo tutte le correzioni del caso.

Se avete delle persone fidate, allora fatelo leggere anche a loro, è utilissimo!

Io spesso faccio leggere i miei articoli a mia moglie, critica molto severa ma “digiuna” di tecnicismi informatici, per cui se l’idea di base del post le arriva, sono a cavallo.

Arrivato a questo punto sposto l’articolo nella cartella “3. articoli pubblicati” … e saluto Google Docs, si passa su wordpress!

8. Il lavoro sporco è finito, dedichiamoci ai dettagli

Siamo arrivati su wordpress ed abbiamo:

  • un documento su google docs, usato per scrivere il nostro articolo
  • una serie di immagini nel nostro documento
  • un titolo ancora da scegliere
  • dei link da sistemare

Dobbiamo quindi dedicarci ai dettagli e far diventare il documento un articolo wordpress. Io procedo cosi:

  1. Creo un nuovo articolo su wordpress
  2. Copio il contenuto dell’articolo da Google docs a wordpress
  3. Imposto l’articolo in bozza
  4. Sistemo le immagini, i link e la formattazione 
  5. Inserisco i tag ed associo le categorie
  6. Imposto una immagine in evidenza
  7. Pianifico la data di pubblicazione
  8. Mi rivedo l’anteprima più e più volte
  9. Imposto il titolo definitivo
  10. Ricontrollo tutto
  11. Pubblico l’articolo

E’ arrivato il momento di andarci a prendere un bel caffè! Meglio se espresso …

E tu? Che strategie utilizzi per gestire il flusso di lavoro del tuo blog? Quali strumenti usi?

Carica più articoli correlati
Carica più per Alessandro De Marchi
Carica più in tech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri

Idee regalo da donna: le migliori occasioni per un natale senza pensieri Il Natale si sta …