stampa questo articolo
Ieri sera sono stato al cinema (che bella la domenica senza calcio….) a vedere il film “Io Sono Leggenda” con Will Smith regia di Francis Lawrence.

Il film è tratto da un libro, pensate un pò, di fantascienza/horror del 1954 (I Am Legend) dello scrittore americano Richard Matheson. Mi sono informato un pochino ed ho visto che il libro originale del ’54 ha inaugurato un vero e proprio filone, genere, stile al quale molti altri film/libri si sono poi ispirati come:

 

1964 – L’ultimo uomo della Terra, di Ubaldo Ragona con Vincent Price.
1967 – Soy leyenda, cortometraggio (15 minuti) del regista spagnolo Mario Gómez Martín.
1968 – La notte dei morti viventi scritto e diretto da George Romero.
1971 – 1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra, di Boris Sagal con Charlton Heston.
1984 – La notte della cometa (Night of the Comet), storia di sopravvissuti all’impatto tra una cometa e la Terra.
2002 – 28 giorni dopo, dal regista Danny Boyle (Trainspotting), un ulteriore sviluppo dell’idea del zombie-movie creata da Romero.
2007 – Io sono leggenda diretto da Francis Lawrence con Will Smith.

fonte wikipedia

Il film è veramente ben fatto, a me è piaciuta molto sia l’ambientazione che la recitazione, da non trascurare anche gli aspetti bio-etici, legati soprattutto alla manipolazione genetica, che il film mette in risalto; considerando che la trama è vecchia di 50 anni possiamo tranquillamente dire che gli avvertimenti-considerazioni sono più che mai attuali: manipolazione genetica, bio-etica, religione, virus generati dall’uomo, ricerca sul cancro, insomma temi che ancora oggi scaldano le menti e i cuori di tutti noi.

L’ambientazione è una New York completamente deserta, abitata da un solo uomo, Robert Neville (Will Smith), che deve combattere con dei “zombie-vampiri” che altro non sono che uomini sopravvissuti e poi infettati da un nuovo virus. Questo virus è stato creato artificialmente dall’uomo a scopo benefico per combattere il cancro, in seguito poi è geneticamente mutato in virus letale che inizialmente si diffondeva per contatto diretto ed in seguito per via aerobica.

Questi “esseri” (9% del totale) si cibano soprattutto degli umani non aggrediti dal virus (1%), il restante 90% degli umani si è completamente estinto a causa del virus; non tollerano la luce, hanno assunto sembianze disumane ed escono solo di notte (la loro pelle non tollera la luce) in branchi organizzati.

La trama, come si vede, è affascinante e anche il film nel complesso risulta piacevole, incalzante e scorrevole. A me è piaciuta moltissimo l’idea di una New York completamente desolata, vuota, abitata da un solo uomo e il suo cane, liberi di muoversi ovunque ma sempre con l’ossessione della notte, del buio….ossessione che richiama molto le paure incoscie di tutti noi.

Insomma, non voglio dire altro, magari il film non l’avete ancora visto….per cui il mio consiglio è : andate al cinema a vederlo, ne vale la pena!

Potrebbe interessarti anche ...

2 Commenti

  1. Insomma…ti dirò…non è che mi abbia entusiasmato più di tanto…secondo me a tratti è anche un po’ noioso ed avrei preferito guardarlo alla televisione in quanto la mia idea è quella di vedere nel grande schermo solo i film con effetti speciali, in questo non è che ce ne siano molti (se non quel che hai scritto te, la città vuota ed i “mutanti”).
    Comunque sia…e bravo Willy

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here