8 Condivisioni

stampa questo articolo
lupus - Dr. House e la filosofia del Lupus

 

Foreman: Nascondi le pillole nel manuale del Lupus?

House: Tanto non è mai il Lupus.

Tra le moltissime serie TV che spopolano in questo periodo ce ne sono alcune il cui successo è ormai appurato e indiscutibile; tra queste sicuramente possiamo annoverare tutti i serial americani a sfondo “medico – sanitario” ossia serial come “Grey's Anatomy” o “E.R” che per molto tempo hanno e stanno appassionando fan italiani e di tutto il mondo.

In me, però, ha suscitato un interesse particolare la serie televisiva “Dr. House M.D.“, credo che l'interesse non lo abbia suscitato solo in me visto e considerato che, ad oggi, è una delle serie più amate e seguite dal pubblico italiano.

Perchè? Cosa c'è di cosi interessante in un pazzo furioso come Greg?

Non sono l'unico ad essersi posto il dilemma visto e considerato che un gruppo di quattro giovani filosofi ha deciso di scrivere un libro proprio sulla filosofia del Dr. House.

Il titolo è “La filosofia del Dr. House. Etica, logica ed epistemologia di un eroe televisivoir?t=httpwwwpensan 21&l=ur2&o=29 - Dr. House e la filosofia del Lupus” editore “Ponte alle grazie“.

Ho messo questo libro nella lista delle priorità…speriamo non tradisca le mie aspettative.

Ma torniamo a Greg e alla sua folle misantropia.

Credo che a differenza degli altri serial televisivi “medico-sanitari” il Dr. House abbia qualcosa in più, di più forte e geniale, di più profondo riconducibile proprio al personaggio Gregory House e alla sua filosofia di vita.

La frase:

Dimmi cosa preferisci: un dottore che ti tiene la mano mentre muori o uno che ti ignora mentre migliori?

credo sia significativa del personaggio, curare la malattia e non il malato perchè i malati sono tutti bugiardi, mentono sempre!
E le malattie? Curare solo casi disperati, estremi, che riescano a solleticare l'attenzione e soprattutto l'ego del dottore… usare ogni mezzo, ogni cura pur di riuscire nell'impresa, a prescindere da qualsiasi deontologia medica, contro ogni morale, calpestando qualsiasi comportamento etico.

Il dottore che comunque ci guarisce, la malattia che non è mai Lupus…
Con il dottor House scacciamo le nostre paure, allontaniamo l'idea della morte e ci avviciniamo all'immortalità suggellata proprio dall'ego del personaggio, incosciamente scacciamo streghe e fantasmi dai nostri armadi perchè tanto “House è Dio” (il titolo di una puntata…), House ha sempre la soluzione; ci disprezza, si disprezza, ci considera dei bugiardi ma alla fine ci cura sempre e comunque.

Ecco, credo che l'enorme successo della serie televisia sia riconducibile a questo sottile gioco psicologico che incosciamente ci lega alla poltrona e ci fa amare cosi tanto un personaggio che ha come unica priorità l'utilizzo del sistematico di oppiacei per alleviare il proprio dolore esistenziale.

 

8 Condivisioni

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here