stampa questo articolo
Il termine ontologia deriva dal greco οντος, “òntos” (participio presente di ειναι, “einai”, il verbo essere) più λογος, “lògos”. Significa letteralmente “discorso sull'”essere” (fonte wikipedia).

Si riferisce a quella parte della filosofia che si occupa dello studio dell’essere in quanto tale, nonché delle sue categorie fondamentali.

Spesso si usa come sinonimo di metafisica, fatto sta che da sempre filosofi e persone dotate di coscienza si siano poste domande sull’essere del tipo: chi sono? cosa c’è oltre la mia coscienza? perchè esisto?

L’ontologia è quindi riconducibile a quell’esercizio mentale che porta oltre le apparenze, spinge a riflettere sul reale significato dell’esistenza e dell’esistente nella sua interezza, ecco perchè spesso si parla di “ricerca ontologica“.

Riflessioni di tale natura ci spingono da un lato verso la comprensione del nostro “essere” o soggetto e dall’altro verso la comprensione della realtà percepita che ci circonda, ovvero verso l’oggetto delle nostre percezioni.

Nonostante la naturale radice teoretica dell’ontologia è proprio questo secondo aspetto, dai risvolti più pratici, ad aver suscitato in me interesse, ossia la percezione moderna che l’individuo ha della realtà, dell’oggetto, come la sente, come la vive e soprattutto da cosa ne è influenzato.

Moderni studi sull’ontologia applicata alla società (vedi sovraccarico informativo, guerra informativa, dipendenza da Internet, guerra asimmetrica, terrorismo e biosicurezza) hanno appurato come la nostra società, civilizzata, consumistica, occidentale sia fortemente influenzata dai mezzi di comunicazione di massa quali TV, radio, giornali, internet, etc… Questi nuovi input mediatici hanno portato l’individuo a percepire “ciò che esiste” in forme nuove, metafisiche direi, non presenti nel passato, intangibili e spesso fittizie.

Potremmo quindi asserire che se da un lato la scienza e il progresso culturale ci hanno distanziato da credenze popolari e superstizioni, dall’altro ci hanno donato nuovi mondi, nuove sfere percettive e sensoriali.
In passato l’individuo, pensando a streghe, maghi e Dei mitologici, percepiva queste “entità” come reali, concrete, pur non avendo mai visto da vicino il Dio Thor in persona.
Oggi la società ha creato nuovi miti, sconfessando ciò che empiricamente non riesce a dimostrare ma abbandonandosi a realtà comunque illusorie, fittizie e surreali.

Quando si parla, ad esempio, di “blogosfera” ci si riferisce ad un insieme di blog che hanno un comune denominatore, tuttavia non è solo la definizione a renderla percettibile e tangibile, è qualcosa di più, è la sua essenza, il suo concetto, la sua teorizzazione soggettiva che esulano da qualsiasi definizione o schema predefinito.
Un pò come la definizione di tempo data da AgostinoChe cosa è dunque il tempo? Se nessuno me ne chiede, lo so bene: ma se volessi darne spiegazione a chi me ne chiede, non lo so“.

Il problema maggiore di questa “ridefinizione” della realtà percepita sta alla fonte, al primo anello della catena, perchè se mal gestita o pilotata a dovere può causare seri traumi, incertezze e paure nelle umani coscienze.

Si pensi ad esempio al terrorismo, chi di noi non ha paura del terrorismo, di un attacco terrorista, i media non fanno altro che fornirci continue informazioni a riguardo, creando paure, psicosi che indirettamente ci portano a cambiare il modo d’essere e di percepire.
Tuttavia quanti di noi hanno realmente vissuto un attacco terroristico in prima persona? Quanti hanno visto con i loro occhi un terrorista o parlato con Bin Laden? Probabilmente nessuno…

Per concludere non possiamo non notare che se in passato era la deriva metafisica, basata su credenze popolari, sulla teologia esasperata, sul misticismo a forgiare le menti umane oggi il rischio è quello di una deriva, sempre metafisica, verso nuovi mondi, nuove realtà, fondate sul nulla e prive di concreta oggettivizzazione ma dall’impressionante impatto sociale sulle coscienze degli individui.

La ricetta?…”spegnere la tv ed accendere il cervello”…

Potrebbe interessarti anche ...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here