stampa questo articolo
Dopo le polemiche nate con la prima serie di Heroes:

“Heroes Volume 1 – Genesis (Genesi)” (25 episodi)

a causa della “retrocessione” in seconda serata dovuta al basso share, il 7 Settembre 2008 è iniziata, in chiaro sempre su italia uno e sempre in seconda serata, la seconda serie di Heroes:

“Heroes Volume 2 – Generation (Generazioni)” (11 episodi)

e su internet si è subito scatenato un vociare e ciarlare sulla bontà di questo prodotto.

C’è chi sostiene che la seconda stagione non sia minimamente paragonabile alla prima, troppi personaggi nuovi, poca azione, pochi colpi di scena.

Secondo il suo autore, Tim Kring, ‘quella che viene chiamata stagione 2, non è proprio la stagione 2, anzi è come se la proiezione di un film venisse interrotta a 40 minuti dall’inizio. Alla base di questa nuova dichiarazione (tra le tante che Kring sta rilasciando in questo periodo), c’è il crollo della fiducia da parte sia dei fan di Heroes che della critica dopo i suddetti ‘quaranta minuti’, di cui è stato detto ‘troppi personaggi nuovi, nessuno svolgimento, ancora meno azione’. (fonte heroes italia news)

Dunque questi 11 episodi altro non sono che il prologo della terza serie che è stata messa in onda in America ieri 22 Settembre 2008.

La terza stagione sarà composta da due Volumi dal titolo:

“Heroes Volume 3 – Villains (Criminali)” (13 episodi)

“Heroes Volume 4 – Fugitives (Fuggitivi)” (11 episodi)

Per un totale di 25 episodi complessivi.

Ma torniamo al Volume due, è veramente così scadente e deludente come molti affermano?

A mio personalissimo avviso NO! Anzi, non mi ha affatto deluso semmai sono dispiaciuto perchè undici episodi…sono passati troppo in fretta e vorrei già sapere come va a finire con la storia del virus mutato.

E’ vero, Tim ha introdotto numerosi nuovi personaggi, tuttavia questa era l’unica strada percorribile se si voleva dare un seguito alla serie.

La prima è diventata un “cult” per il format scelto (sin da subito si conosce epilogo e prologo), per i numerosi rimandi a fumetti e personaggi che ci hanno fatto sognare durante la nostra infanzia, per i numerosi richiami alla mitologia, al paranormale, alla metafisica, al concetto di eroe – super-eroe.
Questii “mutanti” hanno delle particolari abilità che noi tutti incosciamente vorremmo avere, possedere e dominare, insomma la vecchia storia del bene che vince sempre sul male non fallisce mai ed Heroes lo dimostra.

Il volume due non poteva non essere così, aveva una eredità dura, pesante, difficile da tramandare. Ha gettato le basi per una fantastica terza serie, si è passati dalla “distruzione” di New York al rischio di una “devastazione globale” ad opera di un virus mutato, Sylar ha finalmente riacquistato i suoi poteri, Nathan è sempre più consapevole della sua forza, l’impresa è sempre un mix intricato di mistero e potere, nuovi quanto affascinanti personaggi ci hanno dato un assaggio delle loro eccezionali capacità.

Il bene contro il male, gli eroi contro gli anti-eroi, l’eterno conflitto tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, la nostra consapevolezza contro il nostro istinto.

Potrebbe interessarti anche ...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here