stampa questo articolo
Proprio il weekend scorso sono stato in vacanza di piacere a Torino e tra le varie tappe ho visitato il museo del cinema in mostra permanente alla Mole Antonelliana.

Tra le tante curiosità legate al mondo del cinema, c’erano anche i primi prototipi di macchine cinematografiche…

Oggi faccio un giro sul sito http://www.lomography.it/ e per rimanere in tema di macchine cinematografiche cosa ti trovo? Una curiosa novità: la LomoKino.

Ma cosè la LomoKino?

Quei “pazzi furiosi della lomo” hanno immesso sul mercato una vera e propria macchina cinematografica tradizionale, a pellicola e manuale… si avete capito bene: manuale.

lomokino-ani

Con questo piccolo “arnese” è possibile registrare fino a 144 frames su un rullino 35mm, sia esso colori o bianconero.


SI porta a sviluppare il rullino o lo si sviluppa in nella propria camera oscura, dopo di che  si hanno due possibilità:

1 – Si scannerizza il rullino con i 144 frames e si fa un bel montaggio digitale, magari usando il “digitaliza” sempre della Lomo.

2 – Si compra un visore che consente di vedere su un piccolo schermo il nostro mini filmato (LomoKino Scope)

Insomma con il LomoKino è possibile realizzare piccoli filmatini da 144 frames, ovviamente senza audio, su pellicole 35mm.

Questo il risultato:

 

Per maggiori info:

http://www.lomography.it/

http://shop.lomography.com/lomokino

http://microsites.lomography.com/lomokino/

http://vimeo.com/lomography/videos

Potrebbe interessarti anche ...

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here