stampa questo articolo

C’era una volta un paese folle in cui era possibile morire senza ragione, senza motivo

C’era una volta un paese folle in cui era possibile morire in un parcheggio di autogrill prima di correre allo stadio con i propri amici.

C’era una volta un paese folle in cui, per un nulla, si brandisce una pistola e si corre, si corre e si grida, si grida e si spara, si spara e si uccide.

C’era una volta un paese folle in cui la morte di un ragazzo veniva strumentalizzata, da tutto e da tutti, da destra e da sinistra, dall’alto e dal basso.

C’era una volta un paese folle in cui al dolore di una famiglia si sommava la follia, la devastazione e lo squadrismo di pochi.


C’era una volta un paese folle o forse no, perchè un paese folle ha ancora una parvenza di valori, la follia.

Dedicata a GabboDJ, un blogger/DJ che non conoscevo.

Potrebbe interessarti anche ...

5 Commenti

  1. “C’era una vola” o forse “C’é” esiste, è reale che si perda la vita in un soffio, purtroppo!

  2. “C’era una volta” o forse “C’é” esiste, è reale che si perda la vita in un soffio, purtroppo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here