Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 06 e1486568319445 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Per chi è delle mie zone i sapori e gli odori delle pizze dolci di Pasqua sono qualcosa di unico ed inconfondibile che evocano ricordi antichi, profondamente legati all'infanzia ed alla giovinezza.

Ricordi di quando le pizze di Pasqua erano ancora un “momento” più che un semplice dolce, un momento nel quale riunire la famiglia, attendere la lievitazione con trepidazione ed impazienza, godere dell'odore unico ed inconfondibile degli aromi tipici di questo dolce e vivere con gioia e spensieratezza una delle giornate più belle ed emozionanti dell'anno, la mattina di Pasqua.

Gli ingredienti della pizza di Pasqua dolce

Per fare la Pizza di Pasqua dolce originale della Tuscia servono i seguenti ingredienti (per due pizze di Pasqua da 1Kg).

Attenzione, trattandosi di un piatto tipico della tradizione viterbese, potrebbero esserci discordanze nella ricetta non solo da paese a paese ma anche da famiglia a famiglia; questa guida riporta gli ingredienti e la preparazione che da sempre seguiamo nella mia famiglia.

Ingredienti della pizza di pasqua dolce

  • Farina 00 : 1 Kg
  • Zucchero: 450 gr
  • Uova grandi: 6 + 1 (da usare per spennellare la testa prima della cottura)
  • Essenze Aromatiche (le gocce*): 30 (acquistabili qui nella Farmacia Braguti di Montefiascone)
  • Sambuca: Q.B. (mezzo tappo)
  • Olio: 80 gr
  • Vaniglina: 1 Bustina
  • Buccia grattugiata di 1 limone
  • Cannella Q.B.
  • Lievito 50 gr (25 gr per la bevuta)
  • Acqua 200 gr (per la bevuta)
  • Latte 50 gr (per la bevuta)

Per quanto riguarda la farina, dopo molte prove e tentativi, mi sono orientato su quella che utilizzo per fare le pizze classiche ossia la farina del molino Caputo di Napoli.

La migliore è la “farina Caputo 00 pizzeria tipo blu“, la più usata a Napoli e dintorni (W 260/270); in assoluto la mia preferita e quella che uso sempre per fare le pizze di pasqua, in quanto ha un'ottima struttura e regge molto bene la lievitazione lenta.

Purtroppo la farina Caputo non si trova facilmente nei supermercati per cui il mio consiglio è di prenderla su Amazon.

OffertaBestseller No. 1
Molino Caputo Farina Caputo Blu Tipo 00 Kg. 1 - Cartone 10 Pezzi
  • Farina con granulometria calibrata, per una facile idratazione, ottima lavorabilità. Per impasti soffici che, conservano leggerezza e sapore dopo la cottura
  • Ottima per la preparazione della pizza tradizionale napoletana con lievitazioni medio lunghe. Ottima inoltre per pane e pasticceria lievitata (panettoni, pandori, brioches
  • Rapida idratazione e glutine estensibile garantiscono un'ottima maturazione dell'impasto
  • Prodotto di ottima qualita

Se non riesci a trovare questa farina allora orientati su una farina di tipo 00 con un W (forza) intorno ai 240/270. Evita farine troppo deboli in quanto potrebbero non sopportare la lunga lievitazione e crollare al centro durante la cottura in forno.

Ho provato anche farine “forti” ossia con W maggiore di 270 (tra 280 e 350) ma i risultati sono stati scarsi e deludenti, l'impasto cotto seppur ben strutturato è risultato troppo secco e poco friabile.

pizza di pasqua 25 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

(*) nella mia famiglia le Pizze di Pasqua non sono vere pizze se non contengono le famose “gocce di Braguti” ossia se all'impasto non si son aggiunte le gocce di un elisir “magico”, prodotto in una farmacia di Montefiascone, contenente aromi naturali ed alcool.

✋Vuoi saperne di più sulla panificazione? Ti consiglio questo ottimo libro!

OffertaBestseller No. 1

Il procedimento della Pizza di Pasqua dolce

Dopo aver visto la “lista della spesa” per fare una fantastica pizza di Pasqua dolce, andiamo ora a vedere il procedimento da seguire per creare un dolce a regola d'arte, buonissimo e ben lievitato.

La Bevuta

Prima di iniziare l'impasto vero e proprio è necessario fare la cosiddetta “bevuta” ossia un impasto morbido da far lievitare per 12 ore ed usare poi come base per l'impasto vero e proprio.

La bevuta si fa con i seguenti ingredienti:

  • 25 gr di lievito
  • 50 gr di latte tiepido
  • 200 gr di acqua tiepida
  • 250 gr di farina 00

pizza di pasqua 31 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Sciogliere il lievito nell'acqua e latte, aggiungere la farina e mescolare il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo (tipo ciambellone)

pizza di pasqua 30 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 28 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Riporre la bevuta, coperta con uno strofinaccio, in forno spento e far lievitare per 12 ore.

pizza di pasqua 27 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Per noi viterbesi la pizza dolce di pasqua inizia con la bevuta e termina con un dolce che è molto di più di un semplice lievitato, è più una sensazione ed un ricordo di odori e sapori perduti, intimamente legati con la nostra infanzia.

La pizza di pasqua dolce della tuscia è molto più di un semplice dolce, è un momento di ritrovo per tutta la famiglia!

Ci siamo, è ora di cominciare a fare l'impasto.

L'Impasto

Passate le 12 ore puoi procedere con la preparazione dell'impasto vero e proprio della pizza di pasqua.

Prendi la bevuta lievitata:

pizza di pasqua 23 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Ora aggiungi tutto il resto alla bevuta (tranne le gocce e la sambuca) ovvero:

  • Farina 00 : 750 gr
  • Zucchero: 500 gr
  • Uova grandi: 6
  • Olio: 80 gr
  • Vaniglina: 1Bustina
  • Buccia grattugiata di 1 limone
  • Cannella Q.B.
  • Lievito 25 gr

Ed inizia a mescolare con la planetaria per almeno 30 minuti

pizza di pasqua 22 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Passati i 30 minuti ricordati di aggiungere le gocce e la sambuca.

📋Puoi tranquillamente usare un contagocce e devi stare attento nel mettere le essenze ai bordi della planetaria.

pizza di pasqua 21 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Impasta per altri 30 minuti, stando attento a che non si formino grumi all'impasto.

Intanto inizia a preparare due teglie da 1Kg, che userai per la cottura, imburrandole bene.

pizza di pasqua 19 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Se non hai queste teglie da forno puoi usare queste:

PME RND084 Teglia Professionale, Alluminio, Argento, 20.3 cm
  • Teglia professionale realizzata in alluminio anodizzato, senza punti di saldatura
  • Diametro: 203 mm (8")
  • Altezza: 100 mm (4")
  • Il bordo perfettamente dritto garantisce una cottura uniforme
  • Lavare a mano con acqua calda e sapone

oppure quelle per il panettone:

5 Stampi Forma Panettone Alto In Carta Forno 750g
  • Materiale: carta da forno
  • Prodotto: da pasticceria

Ad impasto terminato dovresti avere una consistenza simile a questa:

pizza di pasqua 17 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 18 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 16 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Ora metti l'impasto in proporzioni uguali nelle due teglie (circa 1,1 Kg per teglia)

pizza di pasqua 15 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

E mettile in forno spento a lievitare, con una ciotolina di acqua bollente (che dovrà essere cambiata costantemente) e la lucina del forno accesa.

📋 ricordati di cambiare spesso l'acqua nel forno spento

La Lievitazione

A questo punto inizia la fase più delicata della preparazione, la lievitazione.

Normalmente il processo impiega dalle 12 alle 18 ore, ma anche questi dati sono variabili in funzione di molti fattori come ad esempio il lievito usato, la temperatura di casa, il luogo, etc …

C'è un detto dalle mie parti che dice “Le pizze non si lasciano mai” questo per dire che durante la fase di lievitazione è assolutamente vietato andarsene e lasciare le pizze incustodite.

Ci sono persone che prendono tre giorni di ferie per fare le pizze, chi si trasferisce con tanto di bagagli da un parente perché ha il forno a legna … Insomma, con le pizze non si scherza!

Durante questa fase è necessario verificare il processo di lievitazione costantemente ed iniziare la fase di cottura nel momento giusto, non deve lievitare poco ma neanche troppo, la lievitazione deve essere quella giusta.

📋 ricorda, la lievitazione è la fase più delicata del processo

Nel caso di teglie come quelle che ti ho mostrato prima ossia di teglie da 1 Kg la lievitazione può considerarsi conclusa non appena le pizze arrivano al margine superiore della teglia.

pizza di pasqua 13 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

La Cottura

A lievitazione completata potrai infornare le pizze. Procedi in questo modo:

Accendi il forno a 180° ed aspetta che arrivi a temperatura.

Sbatti l'ultimo uovo rimasto e con un pennello spennella ben bene la testa delle tue pizze.

📋quando usi il pennello cerca di essere gentile e delicato per evitare che le pizze si affloscino su se stesse

pizza di pasqua 12 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

Quando il forno è arrivato a temperatura fai una prima cottura a 180° per circa 30 minuti.

Poi metti della carta stagnola sulle pizze e continua la cottura per altri 30 minuti sempre a 180°, questo per evitare che si bruci la crosta.

Passata un'ora prendi uno stecchino di quelli lunghi e verifica se sono ben cotte, lo stecchino deve rimanere assolutamente asciutto.

📋usa uno stecchino lungo per verificare la cottura

Nel caso in cui non siano ancora ben cotte abbassa il forno a 150° e continua a cuocere per altri 20 minuti circa.

Sforna e fai raffreddare, attendi quindi qualche ora e procedi con la rimozione delle pizze dalle teglie, anche qui cerca di essere delicato.

Finalmente le pizze sono pronte per essere mangiate.

Queste le foto della mia ultimissima creazione:

pizza di pasqua 06 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 04 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 03 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

pizza di pasqua 02 - Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia

La video ricetta

Se l'articolo non è stato abbastanza chiaro, puoi sempre toglierti ogni dubbio guardando questo brevissimo video che ho preparato proprio per mostrarti tutti i passaggi nella preparazione di una buonissima pizza dolce di pasqua della tuscia.

Buon appetito.

Conclusioni

📋 Questa ricetta è stata segnalata sul portale Lorenzo Vinci come miglior ricetta di pizza di pasqua dolce tradizionale.

Pizza di pasqua dolce: conoscevi questa ricetta viterbese? Raccontami la tua esperienza nei commenti!

 

878 Condivisioni

104 commenti su “Pizza di Pasqua dolce: la ricetta originale della Tuscia”

  1. Antonella Puccini

    Leggendo il procedimento di questi dolci sono tornata indietro con la memoria. Credo proprio infatti che queste siano le famose pizze di Pasqua che faceva mia nonna, che, come avete detto voi, “non si lasciano mai” e ci voleva un sacco di lavoro: noi non avevamo la planetaria! E per lievitare nonna usava mettere i tegami con l’impasto (almeno una dozzina) a lievitare in una vecchia credenza di legno con un pentolino di braci sotto. Noi bambini non dovevamo neanche muoverci perché partiva regolarmente un urlo: “Si riaffondano le pizze! Grazie per avermi ridato la possibilità di sentire di nuovo questo sapore perché voglio assolutamente provare a farla.

    1. Buonasera Antonella! Non sai quanto mi facciano piacere le tue parole. Era proprio quella l’intenzione di questo articolo: riportare alla memoria tradizioni, odori e sapori della nostra infanzia. Ti consiglio di provare la mia ricetta, frutto di prove e prove dai racconti delle nonne e delle mamme perché spesso si andava ‘ad occhio’ e senza una misura ben precisa delle dosi. Poi fammi sapere come sarà il risultato e naturalmente buona ricetta!

  2. Pingback: Frittelle di San Giuseppe: la ricetta della Tuscia | trovaregalodonna.it

  3. Mia nonna la preparava di notte prima della Pasqua e di questo ero molto affascinata e l’ammiravo. Sono contenta di aver trovato la ricetta di questa pizza che ha lo stesso aspetto di quella che mangiavo da bambina. Grazie, Maria

    1. Ciao Maria,
      non sai che piacere leggere il tuo commento! È proprio questo il senso di questa ricetta: riuscire a rivivere certe emozioni e certe sensazioni che solo alcune ricette sanno donarti. Grazie per aver condiviso i tuoi ricordi 🥰

  4. Salve e complimenti per le tue pizze pasquali, sono davvero belle e ricordano proprio quelle tradizionali. Tuttavia un paio di perplessità prima di intraprendere la tua ricetta. Perché non usare una farina di forza come la manitoba, generalmente una 0, piuttosto che una 00 poco adatta alle lunghe lievitazioni e che rischia di collassare in cottura? Poi lo zucchero, davvero la bellezza di 500 grammi su 1000 di farina? Grazie, un saluto.

    1. Salve Paolo e grazie per i complimenti! Volevo proprio far assaporare la tradizione con questa ricetta.
      Per la farina, credimi, ho fatto davvero tante prove e la migliore è quella che consiglio nell’articolo. Anche con lo zucchero ho fatto diverse prove e la dose di 500 gr è quella giusta. Considera che il peso di impasto totale, considerando tutti gli ingredienti, è di circa 2,4 kg. Buona ricetta!

  5. Ciao! Volevo chiederti se prima di mettere l’impasto nella teglia va lavorato facendo la classica pallina come per il pane o si deve versare direttamente.
    Grazie!

  6. Ciao, grazie per la ricetta, è il secondo anno che le faccio ma ho sempre il solito problema. Lievitano bene, le metto in forno e la pizza comincia a gonfiarsi ma dopo 15 minuti il cappello si sgonfia e si appiattisce al centro. Da cosa dipende? Ho seguito tutti i passaggi, ho comperato la farina consigliata..ma niente:-( Ho usato il forno in modalità statico. Forse ventilato? Spero in una tua risposta, grazie mille. Sabrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *